Normativa seggiolini anti abbandono: obbligo slittato!

Normativa seggiolini anti abbandono: obbligo slittato!

L’argomento dei dispositivi anti abbandono è ancora confuso e nebuloso. Ci sono poche informazioni ed è difficile muoversi nell’acquisto di nuovi seggiolini e le domande sono comuni per tutte noi! Devo acquistare necessariamente seggiolini con il sistema integrato? Che ne faccio dei seggiolini già acquistati? Posso acquistare seggiolini auto usati? Ci sono sistemi che si possono acquistare a parte? In questo articolo cercherò di mettere in ordine le informazioni al momento disponibili.

In un precedente articolo abbiamo parlato della recente Normativa sulla sicurezza in auto dei bambini, ora parleremo dei sistemi anti abbandono. Un’esigenza nata, dopo alcuni tragici casi di cronaca, per fornire un supporto tecnologico ai genitori affinché non dimentichino i figli sul seggiolino auto per diverse ore. Fenomeno noto come “amnesia dissociativa” che può capitare a chiunque (anche se può sembrare inaccettabile) soprattutto in periodi di forte stress.

LA NORMATIVA

In data 21 gennaio 2019, il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha notificato all’Europa la bozza di decreto (essendo una prima bozza possono essere apportate modifiche!) che definisce le caratteristiche tecniche, costruttive e funzionali dei dispositivi anti-abbandono per auto.

Si tratta del provvedimento attuativo della legge 1 ottobre 2018, n.117, che prevede l’obbligo, al più tardi a partire da luglio 2019, di sistemi di ritenuta salva bebè per chiunque risieda in Italia, guidi un veicolo di categoria M1, N1, N2 ed N3 e trasporti bambini fino a 4 anni.

Il provvedimento è stato  pubblicato sul sito “TRIS” della Commissione Europea per una consultazione pubblica, affinché gli interessati possano far avere eventuali osservazioni sul testo. Passati tre mesi, lo schema di decreto potrà essere inviato al Consiglio di Stato per il necessario parere, ed eventualmente, pubblicato per essere adottato.

Il testo sarebbe dovuto rimanere fino al 23 aprile, ma a causa di una proroga ci rimarrà invece fino al 22 luglio (fonte Ufficio TRIS). Considerando quindi, ancora il successivo passaggio al Consiglio di Stato per il parere positivo e i tempi per la pubblicazione e la successiva entrata in vigore, l’obbligo slitta dal 1 Luglio 2019 a Novembre 2019.

Il decreto attuativo stabilisce che il dispositivo antiabbandono può essere di tre tipologie:

  • Integrato all’origine nel sistema di ritenuta per bambini;
  • Una dotazione di base o un optional del veicolo, compresi nel fascicolo di omologazione del veicolo stesso;
  • Indipendente sia dal sistema di ritenuta per bambini sia dal veicolo.

I dispositivi anti-abbandono devono essere sottoposti alla valutazione di conformità per vedere se rispondono a tutte le prescrizioni tecniche specificate in questo decreto. Il produttore presenta una domanda di verifica ad un organismo accreditato (l’elenco sarà presto disponibile sul sito del Ministero) che, in caso di esito positivo dell’esame, fornisce un attestato di conformità. Poi, l’azienda produttrice rilascerà una certificazione per ogni dispositivo immesso sul mercato in base alla quale si specifica che il prodotto venduto è stato realizzato in conformità al tipo verificato (le modalità in cui la certificazione sarà evidenziata sul prodotto le stabilirà in un secondo momento la Direzione Generale del Mit). La vigilanza sul mercato per la commercializzazione di questi dispositivi spetta al Ministero.

 

Considerando che:

  • Il decreto con la definizione delle caratteristiche tecnico/funzionali non è ancora ufficiale,
  • non sono ancora note le modalità per usufruire degli incentivi per l’acquisto dei dispositivi anti abbandono,
  • non è chiaro nel decreto come verificare che i dispositivi non integrati al sistema di ritenuta, non interferiscano e non alterino le caratteristiche di sicurezza del seggiolino,
  • non c’è corrispondenza tra l’obbligo di utilizzare il dispositivo anti-abbandono fino ai 4 anni di età del bambino con i gruppi dei seggiolini auto, che sono omologati e quindi classificati, non in base all’età, ma in base al peso nel caso dei seggiolini ECE R44/04 e in base all’altezza, quelli omologati ECE R129 i-Size

Il nostro consiglio resta quello di aspettare ancora prima di acquistare i dispositivi anti-abbandono. In mancanza del decreto attuativo infatti, ad oggi, nessun prodotto attualmente sul mercato può essere considerato a norma pur considerandosi certamente di un sistema potenzialmente utile ma non al momento necessario per legge.

Cosa fare con i seggiolini usati

Come abbiamo detto precedentemente l’obbligo imposto dalla nuova normativa potrebbe slittare a novembre 2019, chi in questo lasso di tempo vuole considerare l’acquisto di un seggiolino usato suggeriamo di accertarsi che:

  • Il seggiolino sia a norma, controllando le diciture sulle etichette dello stesso, per questo vi rimandiamo al nostro precedente articolo.
  • Che il seggiolino non abbia subito dei danni e che non sia stato coinvolto in un incidente seppur lieve, in quanto la garanzia del costruttore stabilisce che in questi casi la sicurezza del seggiolino viene meno.
Iscriviti alla Newsletter di City4moms, rimani sempre aggiornato sugli eventi per famiglie!
Se ti piace il nostro portale seguici su FacebookInstagram e Pinterest!!

Photo credit 

Leggi anche

Dettagli Linda Lato

Sono Linda, diplomata come perito informatico programmatore ,approdo alla laurea quinquennale di Scienze Strategiche a Torino. Lavoro per quasi dieci anni come recruiter per una società di selezione di personale, seguendo in particolare l’area specialistica Information and Communication Technologies. Nel 2014 arriva il mio primo figlio e nel 2017 il secondo. La mia vita cambia radicalmente e scelgo di dedicarmi ad un nuovo progetto, la mia famiglia. È proprio grazie a questo nuovo percorso che approdo nel 2017 a City4moms come utente. Pronta per nuove sfide, affascinata dalla voglia di rimettermi in gioco come mamma lavoratrice riconosco questa fame di avventura nelle storie di Barbara&Barbara... nasce così la nostra collaborazione. Entusiasmo, squadra e sogni da realizzare sono il mio nuovo punto di partenza!